Alluce valgo tutore crociato sintomi

Ad ampliare i gradi di libertà della tibio-tarsica contribuiscono le piccole articolazioni vicine, in particolare quella sotto-astragalica.L’ampiezza complessiva della flesso-estensione è, in media, di circa 100°.Grazie alla traumatologia dello sport, è possibile avere a disposizione dati epidemiologici più precisi che portano le distorsioni della caviglia al primo posto tra le lesioni traumatiche degli sportivi, con il 20-40% del totale.Il rimanente 10% delle lesioni interessa la sindesmosi tibio-peroneale.In pratica, è quello che consente all’avampiede di avvicinarsi alla parte anteriore della gamba (flessione dorsale) o di allontanarsene (flessione plantare).Secondo altri autori infine, nel mondo si arriverebbe all’astronomica cifra di una distorsione della caviglia ogni 10.000 persone al giorno.Sono movimenti che eseguiamo centinaia di volte al giorno per camminare o per azionare un pedale.La distorsione deriva dall’applicazione di una forza che eccede i limiti di resistenza tensile delle strutture capsulo legamentose, ma che è inferiore alla resistenza delle ossa che compongono l’articolazione tibiotarsica.Attorno al suo asse trasversale, infatti, si svolge il movimento principale: la flessoestensione del piede.Non può essere maggiore perché, oltre questo limite, le ossa del piede vanno a urtare contro la tibia.