Immagini di artrite psoriasica giovanile

La sindrome di Kawasaki o sindrome muco-cutanea dei linfonodi è una vasculite infantile delle arterie di media e piccola dimensione che colpisce soprattutto le arterie coronarie. E' caratterizzata da febbre prolungata, esantema, congiuntivite, mucosite, linfoadenopatia cervicale e poliartrite di gravità variabile.Non essendo disponibili test di laboratorio specifici, la sindrome di Kawasaki viene diagnosticata in base ai criteri clinici e, se presenti, all'osservazione degli aneurismi coronarici mediante ecocardiografia o angiografia coronarica.Le complicanze più importanti sono rappresentate dall’infiammazione cardiaca, principalmente dall’arterite coronarica.Le principali cause di VES alta sono malattie infettive, autoimmuni, reumatologiche e tutto ciò che aumenta lo stato di infiammazione del nostro organismo.Generalmente la sindrome si risolve in maniera spontanea.Spesso la sindrome di Kawasaki esordisce dopo patologie virali non gravi.È la seconda vasculite più frequente nel bambino dopo la porpora di Schonlein-Henoch.Tuttavia, il 5-10% dei pazienti sviluppa complicanze gravi e l'1% è afflitto da complicanze letali.Per fare diagnosi di sindrome di Kawasaki devono essere soddisfatti almeno 5 dei 6 criteri seguenti: La VES (velocità di eritrosedimentazione) è un indice infiammatorio di scarsa specificità ma serve comunque a capire se l'organismo è in buona salute oppure no, è il primo campanellino d'allarme.Si suppone una eziologia tossinfettiva e immunomediata che coinvolga superantigeni streptococcici e stafilococcici con successiva attivazione linfocitaria.